L’ombra del peccato – Silvia Scibilia

Sinossi:

1
Quando Herman Autier abbandona l’Inghilterra, per cercare fortuna nella contea di Sicilia, vuole lasciarsi alle spalle il tradimento della sua famiglia e ricominciare una nuova vita. Herman possiede molte doti, è un cavaliere, un colto giurista e ha l’abilità di volgere a proprio vantaggio ogni esperienza senza rinunciare all’onore. È grazie a tali facoltà che Ruggero D’Altavilla gli affida una missione. Introdotto a casa di Baltasar Flores, un ricco mercante di libri, deve studiare i codici antichi presenti nella sua biblioteca. È lì che scopre il tesoro più grande del mercante, sua figlia Clara. I suoi sogni sembrano avverarsi. Una donna coraggiosa e colta da amare e una ricchezza senza pari da usare per i suoi fini. Ma l’ombra del peccato che ha avvelenato la sua esistenza nel castello natio lo insegue e sembra allontanarlo da Clara e dalla Sicilia per sempre.

Genere: Romance Storico
Editore: Self Publishing Kdp
Pagine: 305
Data pubblicazione: 8 giugno 2015
Prezzo ebook: €1

frame4

«Chi è Shahrazàd? Una vostra serva?» chiese Herman causando la sua ilarità.
«No! È la protagonista di un libro dal titolo Alf layla Wa-Layla. Narra di un sultano che essendo stato tradito ordina che tutte le mogli vengano uccise dopo la prima notte di nozze, finché non si ritrova sposato a Sharhazàd che ogni notte gli racconta una novella che concluderà la sera successiva. Alla fine il sultano si innamora di lei e non la uccide. Come vedete l’astuzia e la sapienza delle donne vince sulla forza.»
«Sarei curioso di leggerlo, si trova nella vostra biblioteca?»
Baltasar seguiva la conversazione girando la testa nella direzione dei due giovani e Herman ebbe l’impressione che qualcosa lo infastidisse.
«Ahimè no! E sarebbe lo stesso impossibile per voi, non sono a conoscenza di traduzioni in greco, figuratevi in latino.»
«Dio, dammi la forza di non desiderare la sordità per non sentire mia figlia!» invocò Baltasar la preghiera con gli occhi al cielo.
«Che cosa dite, padre!» esclamò scuotendo la testa divertita.
«È un libro peccaminoso.»
«Padre, l’harem fa parte delle nostre tradizioni pur essendo cristiani e non dimenticate che esiste un testo sacro nella lontana India nel quale si fa riferimento all’arte amatoria come principio della civiltà. Di questo non esistono traduzioni neanche in arabo» aggiunse in direzione di Herman.
«Sono stupito della vostra sapienza» commentò questo inarcando un sopracciglio.
«Io no e sarei curioso di sapere da chi hai avuto notizie di queste opere se non sono in biblioteca?» chiese il padre che aveva perso parte della sua compostezza.
Clara, lanciò uno sguardo quasi di aiuto verso Herman, che alzò le spalle.
«Trascorro ore nello scriptorium con uomini che amano la cultura quanto me. Ci piace discutere della sapienza antica e di sacre scritture e io ho una mirabile memoria.»
«Avrebbero fatto meglio a istruirti sulla Bibbia!» commentò il padre con l’intenzione di zittirla.

frame4

Biografia:

unnamed (1)

Silvia Scibilia è un’autrice di narrativa romantica di genere contemporaneo e storico. Tra le sue pubblicazioni Ghiacciolo con Nutella, Odio amare, Sogno proibito, 6 in stand-by, Notturno, Valzer, Preludio e Sinfonia.

 

Segui Silvia Scibilia:

Blog

 

                                        

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *