Quel nome portato dal vento – Laura Bellini

 

petalitralepagine2 (11)

Sinossi:

 

Ieri: la famiglia McTavish, nobile e influente stirpe del regno di Seaworld, viene sterminata da un nemico misterioso e sopravvivono soltanto i due fratelli Diarmaid e Duncan che, una volta fuggiti, vengono protetti e salvati dalle creature fatate dei boschi. Oggi: Maeve è l’erede dei Grahm e sta per andare in sposa a suo cugino Logan Frey, l’arrogante erede del nord del regno. Tuttavia, Maeve non può nascondere l’attrazione e il sentimento che la legano a Ryan, soldato semplice agli ordini di Lord Grahm. La differenza di status impedisce la loro unione e i due non possono che rassegnarsi al loro destino. È proprio il destino, però, a cambiare le carte in tavola quando Lord Grahm viene assassinato, Maeve rapita e Ryan accusato di omicidio. Sarà allora che il passato travolgerà il presente con le sue spire e riporterà in superficie il nome che i nemici avevano tentato invano di cancellare: quello della famiglia McTavish.

Quel nome portato dal vento è l’affresco eterogeneo di un regno in cui pace e guerra si fondono e i confini tra bene e male si assottigliano. Maeve, eroina forte e indimenticabile, capirà che l’amore non ha un unico nome e che non lo si può definire e, attraverso di esso, troverà il coraggio per affrontare il dolore e per affermare se stessa fino all’imprevedibile, sconvolgente finale.


frame4

“Un fruscio di ali mi impone di tornare a guardare dalla finestra. Davanti a me c’è un uccellini dal piumaggio colorato. Nel becco ha un fiore di campo bianco. Apre il becco e lo lascia cadere attraverso le grate. Sono colta dal dubbio se toccarlo o no, ma lo afferro portando sotto al naso quei petali delicati. Profumano di rugiada.”Poche settimane ancora e sarò una donna sposata. Dovrò lasciare tutto questo; non ci saranno più notti in cui mi affaccerò a osservare il mondo dalla mia finestra. Ѐ questo che mi rende inquieta, ma non posso porvi rimedio, non posso oppormi a questo matrimonio: non ho altra scelta che assecondare la decisione presa da mio padre e cercare, per quanto il destino vorrà, di essere felice. Nella valle dei Frey troverò meraviglie capaci di farmi sentire viva e imparerò a conoscere la servitù, così come conosco ogni uomo o donna al servizio della nostra famiglia. Mi chiedo se anche loro mi ameranno, mi domando se sarò capace di amare lui. Logan.”

frame4

“Un tempo avevo una casa, immersa in una foresta da sogno, alberi alti fino al cielo sui cui rami cinguettavano miriadi di uccelli. C’era un lago che in inverno formava uno strato di ghiaccio così robusto da potervi pattinare e in estate era teatro di scampagnate con i miei genitori e mio fratello minore.
Una volta il mio nome era Diarmaid Mc Tavish, primogenito ed erede della Fortezza estrema al Nord del paese. La mia casa era un labirinto di segreti, inespugnabile si diceva e anche io l’ho creduto fino a che, qualcuno, non è riuscito ad abbatterla.
Ero così piccolo…
Ho cercato di tenere a mente il viso di mia madre, ma la sua immagine si è confusa con troppi volti perché io riesca a ricordare i suoi lineamenti; non dimentico però il suo profumo e il suono melodioso della sua voce.

frame4

“Se avessimo seguito le leggi del Regno, a quest’ora mi troverei isolato nella Torre delle Spiagge ad allenarmi in combattimenti che non avverranno mai, contro nemici invisibili provenienti da continenti sconosciuti. Ma i Mc Tavish governavano le terre di confine e non si assoggettavano alle comuni leggi dei mortali.
Il nostro credo era la foresta con i suoi misteri e il ghiaccio che incombeva sulle nostre terre come la lama di una ghigliottina. La sopravvivenza e il rispetto per qualsiasi creatura vivente erano la nostra religione.”

frame4

petalitralepagine2 (12)L’autrice:

Laura Bellini vive e lavora a San Piero in Bagno, un bellissimo paese dell’appenino Tosco-Romagnolo e qui, fra il verde della natura e un po’ di tempo libero, tesse le sue storie. Legge circa quaranta libri all’anno, spaziando fra i vari generi letterari e la stessa passione la mette nelle opere che scrive. Le sue precedenti pubblicazioni sono: “Il coraggio dell’amore” (2009), disponibile anche in ebook su Amazon, “Lontano da te” (2010), Ancora tu” (2010), “I disegni imprevedibili del destino” (2011) e “Il mondo dopo te” (2012) “Il gioco dei ricordi” (2013).

Segui Laura Bellini:

Facebook